Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed Eventi > NEWS Bollo Auto - La Regione Sicilia ha riaperto i termini per la (...)

NEWS Bollo Auto - La Regione Sicilia ha riaperto i termini per la regolarizzazione agevolata delle tasse automobilistiche non pagate dal 2016 al 2021.

02.01.2023

 

La Regione Sicilia ha riaperto i termini per la regolarizzazione agevolata delle tasse automobilistiche regionali.

Rientrano tutte le posizioni il cui pagamento era dovuto tra il 1 Gennaio 2016 ed il 31 Dicembre 2021.

La novità introdotta dalla L.18, oltre all’indicazione del nuovi termine al 23 febbraio, è la previsione di una rateazione in quattro rate per debiti superiori ai 2000 euro per ciascun anno tributario limitatamente ai quattro anni, dal 2016 al 2019, interessati dalle cartelle. (Es. la cartella ricevuta dal contribuente si riferisce allo stesso anno tributario su più veicoli allo stesso intestati per cui non sia stata pagata la tassa automobilistica, la cui somma totale della cartella superi EUR 2.000).

Il pagamento in quattro rate trimestrali dovrà avvenire compilando il modello allegato da inviare esclusivamente da una casella di posta certificata all’indirizzo di posta certificata rateizzazioni@pec.sicilia.aci.it che sarà reso attivo da ACI a decorrere dal 15/01/2023.

Sulla base dell’istanza l’ACI trasmetterà al contribuente entro il 31/03/2023 presso la casella di posta elettronica certificata del richiedente i modelli precompilati di pagamento PagoPA contenenti l’importo delle rate da pagare alle scadenze del 30/04/2023, 31/07/2023, 31/10/2023, 31/01/2024.

L’istanza di rateizzazione si intende accettata contestualmente al pagamento della prima rata alla scadenza prevista del 30/04/2023. L’omesso pagamento alle scadenze della prima rata o di una delle successive rate comporta la decadenza dell’agevolazione e della rateazione previste dall’art. 28 del L.R. 16/2022 e s.m.i. e l’archiviazione dell’istanza di rateizzazione con conseguente ripresa dell’attività di riscossione dei ruoli della tassa automobilistica secondo le previsioni ordinarie di legge.

I termini per la regolarizzazione agevolata scadranno, tassativamente, il 28 FEBBRAIO 2023.

I nostri uffici saranno aperti al pubblico:

LUNEDI’-MARTEDI’ E VENERDI’: ESCLUSIVAMENTE DI MATTINA, DALLE ORE 8:30 ALLE 12:30;

MERCOLEDI’: DI MATTINA DALLE ORE 8:30 ALLE 12:30 E NEL POMERIGGIO DALLE ORE 15:30 ALLE 18:30;

GIOVEDI’: ORARIO CONTINUATO DALLE 8:30 ALLE 16:30.

Per maggiori informazioni vai ai sito della Regione Siciliana

https://www.regione.sicilia.it/la-regione-informa/modalita-attuative-regolarizzazione-agevolata-tassa-automobilistica-regionale

 

Allegato - Istanza per rateizazzione

(Allegare all’istanza copia documento identità in corso di validità)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

----------------- o --------------------- o ---------------------- o -------------------

 

Home

Regione Siciliana

La Regione Informa

Bollo auto in Sicilia, definite le modalità per regolarizzare i mancati pagamenti senza sanzioni

In Sicilia si possono regolarizzare i mancati pagamenti del bollo autoin scadenza tra l’1 gennaio 2016 e il 31 dicembre 2021, senza incorrere nelle sanzioni e senza dover pagare gli interessi. Lo prevede la legge regionale 16 del 2022 che si applica agli omessi o insufficienti versamenti della tassa automobilistica regionale, purché la regolarizzazione avvenga entro il 30 novembre 2022. Un decreto dirigenziale del dipartimento regionale delle Finanze e del credito definisce le modalità di applicazione dell’agevolazione.

 
La regolarizzazione agevolata, rivolta sia alle persone fisiche che giuridiche, riguarda i mancati pagamenti già iscritti a ruolo per gli anni dal 2016 al 2019 (escluse le somme già versate all’agente della riscossione) e quelli degli anni 2020 e 2021 non ancora regolarizzati con i canali di riscossione ordinaria.
 

Sono esclusi invece i periodi d’imposta con decorrenza successiva al 31 dicembre 2021, i rapporti tributari definiti con sentenza passata in giudicato, e quei ruoli per i quali prima dell’entrata in vigore della legge erano già state avviate procedure esecutive (ad esempio, pignoramenti mobiliari e immobiliari, incanti immobiliari e interventi nelle procedure esecutive immobiliari). Per le tasse automobilistiche iscritte unicamente a titolo di sanzioni e interessi, la Regione Siciliana procede allo sgravio purché, alla data di entrata in vigore della norma in questione, non siano già state avviate procedure esecutive.
 

Inoltre, per consentire l’adesione all’agevolazione e per evitare l’avvio di procedure cautelari o di azioni esecutive, il decreto dispone la sospensione massiva dell’attività di riscossione dei ruoli coattivi della tassa automobilistica regionale fino al 31 gennaio 2023 (esclusi i procedimenti esecutivi già stati avviati). La sospensione non interrompe la notifica delle cartelle esattoriali.
 

Per aderire alla regolarizzazione agevolata, il pagamento si dovrà effettuare esclusivamente nelle delegazioni Aci e nelle agenzie di pratiche auto autorizzate.

N.B. (fonte disposizioni attuative)

 Art. 8

 Disposizione finale

I soggetti beneficiari della norma in argomento, nel caso di eventuale declaratoria di illegittimità da parte della Corte Costituzionale, dovranno versare alla Regione siciliana le somme dovute per sanzioni ed interessi della tassa automobilistica, per ogni anno, rispetto ai rapporti giuridici non esauriti alla data della pronuncia e secondo quanto specificato nelle motivazioni della stessa sentenza.

Al riguardo si fa presente che "La declaratoria d’incostituzionalità, pur operando dal giorno successivo alla pubblicazione (art. 136 cost.), rende tamquam non esset la norma espulsa dall’ordinamento giuridico, come se non fosse mai stata vigente, con salvezza delle situazioni giuridiche consolidate, ovvero i rapporti esauriti per decadenza, prescrizione, inoppugnabilità, giudicato, nel preminente interesse della certezza giuridica".

Decreto dirigenziale del dipartimento regionale delle Finanze e del credito